Causa di lavoro: Solidarietà al lavoratore licenziato dalla Coop. Sociale Il Gabbiano di Trento

COMUNICATO STAMPA Solidarietà al lavoratore licenziato dalla Coop. Sociale Il Gabbiano di Trento Giovedì 5 maggio si terrà la prima udienza della causa di lavoro promossa da un lavoratore svantaggiato assunto a tempo indeterminato dalla Cooperativa d'inserimento lavorativo Il Gabbiano e licenziato da quest'ultima nel giugno dello scorso anno.
Il lavoratore, iscritto al sindacato Slai Cobas, è stato licenziato dopo che il medico competente della cooperativa sociale su richiesta di quest'ultima lo aveva valutato come non idoneo al lavoro do operaio generico. Si è determinata in questo modo una situazione paradossale.
Un lavoratore assunto per la propria condizione di svantaggio dopo anni di lavoro nella coop. Sociale è stato licenziato proprio a causa della sua stessa condizione di svantaggio.
Del tutto anomalo poi il tipo di licenziamento che si consumato. Invece dell'apposita commissione pubblica dell'azienda sanitaria il giudizio d'inidoneità al lavoro è stato emesso dal medico competente che invece è una figura professionale in questo caso direttamente convenzionata con la cooperativa.
Un pericoloso e preoccupante precedente dunque che se dovesse passare aprirebbe la strada a livello locale a licenziamenti per inidoneità concordati nell'ambito della stessa azienda tra imprenditore e medico competente. Quest'ennesimo licenziamento di dubbia legittimità messo in atto da una cooperativa sociale di Trento solleva l'interrogativo sull'utilità del finanziamento pubblico a cooperative che, in nome della solidarietà sociale, operano con soldi pubblici con le stesse logiche improntate al profitto delle comuni aziende.
E' certo comunque che oggi è più che mai necessario introdurre il controllo pubblico e popolare sull'operato di tali cooperative al fine di tutelare l'interesse pubblico, quello delle categorie sociali più deboli e disagiate e la stessa solidarietà sociale.

Sebastiano Pira
Resp. Provinciale Slai Cobas Trento