PERCHE' I SERVIZI SEGRETI per licenziare gli operai?

Da il settimanale "Settegiorni" del 24 febbraio 2012

I 70 lavoratori Alfa Romeo di Innova Service, licenziati esattamente un anno fa da Angela di Marzo e da allora in presidio permanente alla portineria sud ovest del complesso, hanno vissuto quello che si spera possa essere una svolta nella loro vicenda. Settimana scorsa si è assistito infatti, all'allontanamento dal sito industriale dei dipendenti Ismi, società di Angela di Marzo, responsabile della gestione e manutenzione delle portinerie dell'ex Alfa con posti di blocco dei carabinieri e lunghe code di camion davanti alle portinerie, rimaste chiuse per circa un' ora. Al posto dell'lsmi subentra l'Ivri, alla quale sarebbe stato affidato il nuovo incarico. «Il fatto che la società della Di Marzo sia stata allontanata dall'area, è positivo. Potrebbe essere un passo in avanti se all'lvri si sostituissero nella gestione delle portinerie i lavoratori illegittimaménte, secondo il Tribunale, licenziati dalla stessa Di Marzo - sostiene Renato Parimbelli, dello Slai Cobas. Non sembra un caso che questi avvenimenti siano concomitanti alla quinta udienza del processo microspia contro Angela di Marzo, il fratello e Lorenzo Fabbrizzi, capo del personale di Innova Service, accusati di aver installato una microspia nell'ufficio di Giuseppe Sala, ex direttore generale di Palazzo Marino e amministratore delegato di Expo 2015. Da questa udienza è emerso che la Di Marzo - responsabile della Innova Service - lavora presso un corpo Nato a Solbiate Olona, comando multinazionale utilizzato per interventi in aree di crisi. I Cobas giustamente si domandano: "«Come mai questi personaggi da servizi segreti ad Arese per licenziare? e soprattutto, chi li ha messi lì?».