Innova Service, Massimo Gatti: “No al ricatto imposto ai lavoratori”



COMUNICATO STAMPA
Milano 31 gennaio 2013.

In merito al Protocollo d’intesa firmato lo scorso dicembre da Regione Lombardia, Comune di Arese, Arifl e Tea spa, il Capogruppo in Provincia di Milano per Lista un'Altra Provincia-PRC-PdCI, *Massimo Gatti* dichiara: “Il protocollo, che da sette giorni di tempo alle lavoratrici e ai lavoratori di Innova Service per decidere se accogliere o meno le proposte inaccettabili di ricollocazione avanzate dalle varie proprietà, è un vero e proprio *ricatto *che nasconde speculazioni inaccettabili. Un sotterfugio inaccettabile con il quale si mira a smantellare definitivamente il presidio che le lavoratrici e i lavoratori stanno tenendo in piedi da anni per sostenere la loro lotta. *L’unica soluzione* per noi rimane la *cancellazione* di un *Accordo di Programma* predisposto e sostenuto da una Giunta lombarda ormai delegittimata e in chiusura, a cui si è accodata supinamente la giunta provinciale di Milano. Non è accettabile che a decidere su questioni così delicate sia un Commissario prefettizio, come purtroppo già avvenuto ad Arese, con l’ esclusione delle amministrazioni comunali di Garbagnate milanese e Rho. Occorre convocare al più presto un tavolo di confronto con tutti gli Enti locali territorialmente competenti e *garantire il reintegro* delle lavoratrici e dei lavoratori *illegittimamente licenziati da Innova Service*impegnandosi a favorire il *rilancio produttivo* dell’area, come ho già chiesto ripetutamente a Podestà in questi anni e alla vigilia di questa ultima fase, un’* interrogazione* presentata in Consiglio provinciale lo scorso 26 luglio 2012”.**

Segreteria Gruppo Consiliare Lista Civica Un'Altra Provincia
Partito della Rifondazione Comunista
Partito dei Comunisti Italiani Provincia di Milano
Via Vivaio, 1 - 20122 Milano tel. 02.77402614 - fax 02.794687
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
http://massimogatti.wordpress.com