SANITA'

SLAI COBAS SANITA’: Se la CGIL è da parte dei lavoratori italiani, metta in campo la sua forza per raggiungere questi obiettivi

Su questo atteggiamento della Cgil è necessario fare chiarezza fra i lavoratori.
Questa O.S. non è diventata improvvisamente “rivoluzionaria” ne tanto meno è impazzita. Vuole solo giocarsi le sue carte per controllare meglio i lavoratori,visto che la crisi capitalistica incide, e andare a trattare con il governo da un punto di forza superiore, avendo dalla sua parte( almeno lei lo spera) i lavoratori,non per ottenere condizioni migliori, ma per firmare gli stessi accordi a perdere che hanno firmato in questi anni con i loro amici della Cisl e della Uil.
Questo sindacato viene fatto apparire dai mass-media come l’ unico sindacato che dice di no al governo di centro dex e che per ,antonomasia,appare come difensore dei lavoratori. Non è stato così con i governi amici.
Un sindacato, come la Cgil, che pensa e agisce da padrone sindacale o addirittura si sostituisce alla direzione aziendale per reprimere le opposizioni nella RSU, come può difendere i lavoratori?
Noi parteciperemo allo sciopero del 13 Febbraio 2009 perché crediamo che nella lotta e con la lotta i lavoratori possono difendersi le loro condizioni salariali e di lavoro. Ma deve essere chiaro sin d’ora che la Cgil non mira alla difesa dei diritti e del salario, ma solo ad avere un suo ruolo di forza istituzionale utilizzando la lotta dei lavoratori.
Per far sì che questo sciopero non vada perduto, deludendo le speranze di chi lavora,è necessario che i lavoratori più coscienti vadano oltre la Cgil trascinando con loro tutta la massa per auto-organizzarsi su un piano di classe e rivendicare, in questa magnifica crisi, salari e stipendi adeguati, contro i banchieri e gli speculatori che il governo appoggia.
Noi ci siamo e ci saremo, nelle lotte, per far crescere questa consapevolezza fra i lavoratori per costruire insieme un sindacato di classe che lotti davvero per i diritti di tutti.
 
 
SLAI – COBAS   SANITA’   MILANO