SANITA'

Slai Cobas A.S.P. Golgi-Redaelli - I TURNI DI LAVORO SONO LA NOSTRA VITA !

DA MARTEDÌ' 1 DICEMBRE A VENERDÌ 4 DICEMBRE DALLE ORE 07,00 ALLE ORE 9,00 E DALLE 14,00 ALLE 15,00 VOTAZIONE PER LA SCELTA DEI RTURNI.
VOTA SI E STAI ALLERTA!!!!
Spendiamo un momento di attenzione ancora una volta sui turni di lavoro; come avete visto in
bacheca i delegati d'istituto hanno deciso di far votare i lavoratori turnisti con un referendum così come previsto nell'accordo firmato all'inizio dell'anno. Oggi si procede in tal senso per sapere se ai turnisti sono graditi i turni che stiamo sperimentando attualmente o preferiscono tornate a quelli senza il mattino notte e con un solo giorno di riposo.
Il nostro sindacato, sulla questione dei turni,   ha lottato con forza per i due giorni di riposo
consecutivi e anche adesso non ha intenzione di tirarsi indietro! I colleghi sanno che la questione
dei turni è controversa e rappresenta un cedimento dell'azione sindacale nel suo complesso perché
l'obiettivo che ci eravamo posti inizialmente di tornare alla vecchia turnazione con il mattino/notte
fisso non è stato raggiunto e aver accettato questa sperimentazione dimostra che la direzione ha
raggiunto, anche se parzialmente, il suo scopo (a tutt'oggi, non ci sono notizie delle famose multe
rilevate dall'ispettorato del lavoro per le aziende ospedaliere che hanno adottato il mattino/notte
senza il rispetto delle 11 ore di riposo tra un turno e l'altro, e sono tante a Milano! !).
Come vi ricordate, la nostra amministrazione aveva modificato le turnazioni    forzatamente,
utilizzando la legge 66 del 2003 ,che prevedeva le 11 ore di riposo fra un turno e l'altro, imponendo
la loro volontà su questioni così importanti come la gestione della nostra vita; volevano mettere
mani ai turni anche per avere una maggior flessibilità in modo da coprire meglio le carenze
d'organico e ci sono riusciti.
Per chiarire meglio il concetto, serve ricordare la circolare interna che regola come devono essere
coperti i turni: la logica della copertura automatica altro non è che una gestione più appropriata dei
sempre meno operatori con capacità lavorative idonee al 100%.
Infine l'obiettivo di mantenere lo stesso turno in tutti e tre gli istituti non è stato raggiunto, questo in
rapporto all'impegno preso da tutti i delegati è un ulteriore cedimento che dimostra l'arroganza
della nostra direzione nei confronti delle aspettative dei lavoratori.
Va detto anche che, ad Abbiategrasso, molti lavoratori hanno scelto prima del referendum di
accettare le turnazioni che svolgono attualmente, simili alle nostre con un turno in più che prevede
due mattine e due pomeriggi, mentre a Vimodrone sono rimasti quelli con smonto notte e un solo
giorno di riposo.
Il turno unico per tutti gli istituti perciò non è più praticabile ma resta comunque inteso che se le
condizioni lo permettono e -noi vi diciamo- se i lavoratori e i delegati lo vogliono, il ritorno ai turni
con mattino/notte ad ogni giro è possibile.
La mediazione che è stata fatta e, come vedete nel referendum non è prevista altra scelta, è :
accettare il male minore e andare avanti.
Invitiamo i lavoratori turnisti a partecipare alle votazione e a votare per il mantenimento degli
attuali turni, ricordando che le disposizioni introdotte dal nostro direttore sugli automatismi non
sono corrette e che ognuno di noi è libero di non accettare di modificare i propri turni.
Serve ricordare che due reparti non hanno svolto la sperimentazione e per loro,   alla fine delle
votazione se verranno scelti i turni attuali, dovranno essere adottati i turni di tutti gli altri reparti..

SLAICOBAS A.S.P. Golgi-Redaelli