Esempio di aspetto di una sezione blog (sezione FAQ)

Comunicato stampa SLAI Sicilia: Sortino, tavolo tecnico per la stabilizzazione dei precari Asu e per il pagamento degli arretrati

COMUNICATO STAMPA

 

Sortino, tavolo tecnico per la stabilizzazione dei precari Asu e per il pagamento degli arretrati

 

Stabilizzazione dei precari e pagamento di arretrati. Sono questi i temi affrontati nel corso del tavolo tecnico che si è svolto alcuni giorni fa fra le organizzazioni sindacali e l’amministrazione comunale di Sortino.

In merito Salvo Scuderi, coordinatore regionale dello Slai Cobas, rivolgendosi all’assessore al personale Vincenzo Sgandurra ha chiesto di conoscere la proposta definitiva di dotazione organica che l’amministrazione si era impegnata a predisporre nel precedente tavolo tecnico del 21 agosto scorso e ha richiesto delucidazioni sul pagamento degli arretrati contrattuali ai lavoratori Asu (ex Lpu).

L’assessore al personale Sgandurra risponde: «L’amministrazione si è impegnata ad assumere con contratto a tempo determinato tutti i lavoratori Lpu (lavori di pubblica utilità ) a marzo 2007». E con riguardo agli arretrati contrattuali afferma: «Il segretario comunale ha consigliato di concedere ai lavoratori che hanno lavorato oltre le venti ore settimanali dei riposi compensativi al posto del pagamento degli arretrati oppure di tralasciare le richieste di arretrati per percepire gli stipendi e i mandati futuri».

Ma le organizzazioni sindacali non ci stanno e definiscono la proposta dell’amministrazione “minacciosa e antisindacale”.

L’assessore al personale Sgandurra vanifica quanto detto e si sfoga: «Le responsabilità sul pagamento degli arretrati non sono attribuibili a me ma all’operato dell’ufficio personale». E rivolgendosi al capo dell’ufficio personale Vincenzo Salemi afferma: «Perché non ha mai provveduto al pagamento se erano somme spettanti?». Risponde Salemi che è anche rappresentate Cisl: «Gli arretrati spettano di diritto ai lavoratori  tanto che sono già pronti i conteggi per il pagamento di tali somme». L’assessore Sgandurra rassicurato assicura che da parte dell’amministrazione non ci sarà ostacolo alcuno ed informa che in merito alla mancanza nell’ente dei profili tecnici di geometra, l’amministrazione cercherà di allargare i contratti a personale esterno.

Luigi Mangano, coordinatore provinciale dello Slai Cobas di Siracusa ribatte all’assessore  Sgandurra: “Quanto detto non è tutto vero. Un dipendente di ruolo con qualifica di geometra è stato trasferito a ricoprire un posto di custode in una discarica del settore ecologia. Quindi se queste figure sono carenti  e necessarie all’ente perché non si è provveduto a far rientrare il lavoratore in sede?”

Salvo Scuderi appoggia Mangano e propone all’amministrazione di investire sui lavoratori precari presenti nell’ente e disposti a partecipare a corsi di formazione o lauree brevi che successivamente potranno ricoprire i servizi richiesti per non danneggiare la stabilizzazione dei restanti lavoratori.

Mangano e il lavoratore Asu Gigliuto denunciano: “Non è possibile che per ogni problema che riguarda i precari si debba arrivare a discussioni e denunce” E rivolgendosi all’assessore Sgandurra e al capo del personale Salemi: “Chiediamo che come metodo di calcolo si utilizzi il contratto collettivo nazionale del lavoro”.

Mangano chiede anche chiarimenti sui lavoratori ex Parrocchia San Giuseppe, sballottati a destra e manca, e per i quali la Regione ha chiarito che l’ente utilizzatore è il Comune di Sortino.

Sgandurra e Salemi dichiarano, invece, di non potersi fare carico di questi lavoratori e di aver chiesto ulteriori chiarimenti alla Regione. Scuderi replica: “In questo modo vengono lesi i diritti di questi lavoratori e fino a quando la Regione non si pronuncerà  vanno considerati lavoratori comunali Asu in diritti, doveri e dignità del lavoro”.

Infine Mangano invita l’amministrazione ad assumere a tempo indeterminato,  nelle categorie A e B, i precari con la copertura dei posti vacanti in pianta organica. “E’ questa – afferma Mangano  - un’occasione da non farsi sfuggire visto che il D.P.C.M.  del 15 febbraio 2006  è al momento particolarmente vantaggioso”.

L’assessore Sgandurra è di tutt’altro avviso: “L’amministrazione impegna il  personale  a suo piacimento – afferma – e questa possibilità è riservata ad altri lavoratori”.

 Quindi sfumata la possibilità di un’assunzione a tempo indeterminato,  da parte dell’amministrazione unicamente l’impegno a stipulare contratti di diritto privato a tempo determinato per tutti a marzo 2007. 

    

Sortino (SR) 27/12/2006.

 

Il coordinatore regionale dello Slai Cobas

Orazio Calì