Esempio di aspetto di una sezione blog (sezione FAQ)

ATM - MOZIONE D’ORDINE: RISPOSTA IN MERITO AL PROGETTO AZIENDALE

I lavoratori del deposito Precotto, linea 1 metrò, sottopongono la presente mozione d’ordine all’assemblea del 23/11/2007 indetta dal coordinamento R.S.U. ATM, in merito al progetto aziendale di riorganizzazione dell’ingegneria dei rotabili.

I LAVORATORI DEI DEPOSITI METROPOLITANI: Rogoredo, Gorgonzola, Precotto, Famagosta, Gallaratese,

 

RIUNITI IN ASSEMBLEA

 

Rigettano la proposta aziendale avanzata in merito la riorganizzazione degli orari e turnazioni del settore operaio addetto alle manutenzioni, poiché l’attuazione comporta un peggioramento delle condizioni di vita, di lavoro nonché una perdita economica certa per una incentivazione all’uso del mezzo privato dovuta ai nuovi orari.

 

L’assemblea dei lavoratori dà il mandato al Coordinamento R.S.U. per il prosieguo della trattativa con ATM alle seguenti condizioni:

che siano garantite due giornate di riposo settimanale per i lavoratori turnisti;

che successivamente le turnazioni e gli orari dei lavoratori turnisti e non, siano discussi tenendo in considerazione le caratteristiche e le specificità di ogni deposito.

 

Qualora l’atteggiamento di ATM fosse orientato alla chiusura o peggio decidesse l’applicazione della riorganizzazione in modo unilaterale, l’assemblea, già da ora dà il mandato al Coordinamento R.S.U. per la proclamazione dello stato di agitazione e per una indizione di una assemblea generale in cui i lavoratori discuteranno sulle iniziative da prendere, coinvolgendo tutto il personale ATM: operai, impiegati, personale viaggiante, ecc.

 

LA PRESENTE MOZIONE VIENE SOTTOPOSTA ALL’ASSEMBLEA CHE ESPRIME PARERE: seguono le firme dei lavoratori

 

QUESTA PIÙ CHE DEMOCRATICA RICHIESTA HANNO RIFIUTATO DI METTERLA IN VOTAZIONE.    

PERCHÉ ?????

LAVORATORI,

 

NON VOGLIONO ARRIVARE AD UNA ASSEMBLEA GENERALE, TEMONO LA FORZA DELL’UNITÀ DEI LAVORATORI,

 

ORGANIZZIAMOCI  ORA

 

CONTATTA: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.