ALFA, SCOPPIA IL CAOS AD ARESE: OPERAI BLOCCANO LA FABBRICA

LEGGO,2 dicembre 2009

Un centinaio di lavoratori ex Alfa Romeo e in parte assunti da Innova Service stanno bloccando la portineria est della fabbrica di Arese. La stessa azienda subentrata a Fiat intende infatti impedire l'ingresso dei lavoratori in cassa integrazione. «È una vergogna - spiega Corrado Delle Donne, coordinatore del sindacato - che una ditta malavitosa, che ha le mani su Expo 2015 possa agire indisturbata ad Arese.
Se ci sono le istituzioni e non sono conniventi battano un colpo». Già oggi lo Slai Cobas ha chiesto al prefetto di Milano che venga rimossa l'azienda dal sito di Arese. Innova Service fa capo a Angela Di Marzo, titolare dell'agenzia investigativa Comasca Adm, all'interno della quale, nell'ambito di una operazione della Digos, sono stati sequestrati alcuni documenti tra cui una relazione su Corrado Delle Donne che da anni, tramite l'organizzazione sindacale di base, sta protestando nei confronti di Innova Service per presunte violazioni dei patti sottoscritti con Regione Lombardia riguardanti la reindustrializzazione del sito dell'Alfa Romeo di Arese, che tra l'altro prevedono l'assunzione di ex dipendenti Alfa Romeo a precise condizioni contrattuali. I lavoratori, poco dopo le 22, hanno proseguito la loro protesta con una manifestazione verso l'autostrada Milano Laghi, bloccando il collegamento tra quest'ultima e l'ingresso della fabbrica. «La Innova Service - ha detto Corrado Delle Donne - sta attuando una vera e propria rappresaglia contro i lavoratori dell'Alfa Romeo che hanno rivendicato i loro diritti».