FIAT POMIGLIANO

Comunicato Stampa SLAI Cobas Fiat e terziarizzate - Pomigliano: contro il sequestro del voto in fabbrica

FIAT-RSU: CONTINUA IL  SEQUESTRO DEL VOTO  A POMIGLIANO
LA FIAT SI SCHIERA A FIANCO DI FIOM-FIM-UILM E RIFIUTA DI CONSEGNARE I TABULATI NOMINATIVI PER CONSENTIRE IL VOTO
INTANTO PER IL PROSSIMO VENERDI’ 11 SETTEMBRE E’ INDETTA PRESSO LA SEDE SLAI COBAS DI POMIGLIANO D’ARCO, ORE 11, LA RIUNIONE PREPARATORIA DELL’ASSEMBLEA NAZIONALE UNITARIA DEL 26 SETTEMBRE A NAPOLI PER LA DIFESA DELLA DEMOCRAZIA SINDACALE
Nonostante la richiesta formalizzata dai sindacali già dallo scorso 22 luglio, oggi 7 settembre la Fiat ha rifiutato di fornire i tabulati dei lavoratori in forza nonché la messa a disposizione dei locali per l’espletamento delle operazioni elettorali per il rinnovo delle RSU/RLS.

L’iniziativa aziendale si colloca in un momento di evidente difficoltà dei sindacati confederali a giustificare il sequestro del voto sindacale a Pomigliano in atto da giugno scorso, data di scadenza del mandato elettivo triennale delle RSU/RLS di fabbrica. La discesa in campo della Fiat in prima persona a soccorso di FIM-FIOM-UILM evidenzia, se ancora ce ne fosse bisogno, l’inquietante livello di intreccio collusivo in atto tra le forze padronali  e quelle sindacal-confederali tese alla trasformazione autoritaria e concertata in atto (in funzione di ‘unità nazionale anticrisi’), dei diritti sindacali e di quelli sociali.

“dalla Fiat ai settori pubblici e privati la democrazia sindacale  è qualcosa che si mangia perché, senza, vi è scarso futuro e scarsa possibilità per i lavoratori nella mobilitazione per l’efficace difesa dei propri diritti - sia nel settore pubblico che in quello privato - e di quelli di quelli sociali”:  di questo si discuterà venerdì prossimo a Pomigliano e nell’Assemblea Nazionale Unitaria di sabato 26 settembre a Napoli per la difesa della democrazia sindacale.

SLAI Cobas Fiat e terziarizzate - Pomigliano

Pomigliano d’Arco, 7/9/2009