LO SLAI COBAS E LE ELEZIONI RSU NEL PUBBLICO IMPIEGO

La presenza dei militanti dello Slai Cobas nelle RSU, non solo ha permesso di contrastare la politica delle Amministrazioni, ma anche quella dei sindacati confederali, i quali sono sempre in prime fila nel difendere le compatibilità capitalistiche, a danno  degli interessi dei lavoratori.

Noi siamo nati e sviluppato la nostra attività per dare potere alle rivendicazioni dei lavoratori, per dar loro la possibilità di difendere le proprie condizioni di vita e di lavoro.

Ad ogni tornata delle elezioni RSU del pubblico impiego, i sindacati confederali cercano di rilegittimarsi con un bagno di “democraticismo”, che ha l’unico scopo di mantenere in piedi la macchina burocratica borghese ed il loro potere di concertazione con Governo, amministrazioni e padroni.

L’ultima intesa tra CGIL, CISL e UIL e Governo sul contratto dei dipendenti pubblici, è l’ennesima conferma del ruolo da cani da guardia  dei padroni che i sindacati esercitano tra i lavoratori.

Contratti, firmati all’insegna dell’aumento della produttività, flessibilità, precarietà e aumenti salariali bassi, al di sotto dell’aumento del costo della vita.

L’azione dei lavoratori organizzati dallo SLAI COBAS hanno in diverse occasioni:

ridimensionato e contenuto lo strapotere dei sindacati confederali, che, in tutti i casi, cercavano di far passare accordi capestro sui lavoratori;

prodotto un più alto livello di democrazia nei rapporti con i lavoratori;

ostacolato il tentativo di CGIL, CISL,e UIL di svuotare le RSU e di “ridurle ad un tramite poco intelligente” delle stesse organizzazioni confederali;

fatto vivere l’esigenza di avere delle rappresentanze costruite dal basso, come espressione della libera volontà organizzata dei lavoratori.

 

Il progetto a cui lo Slai Cobas si dedica, non è l’avvitamento intorno a se medesimo, come nuovo soggetto rigeneratore di tutto, ma  quello di favorire un processo di lotta della maggioranza dei lavoratori sul terreno autonomo per la difesa della qualità della  vita ,  dignità e per un mondo diverso da quello dominato dal capitale.

Per questo:

Noi siamo per un sindacato auto organizzato, senza burocrati e funzionari pagati e distaccati dall’attività lavorativa. Ci battiamo per tutti i lavoratori iscritti o non iscritti ai sindacati.

Noi cerchiamo di essere sempre coerenti e capaci di interpretare nel miglior modo possibile i bisogni dei lavoratori.

Noi non facciamo promesse campate per aria, solo perché siamo in campagna per le elezioni RSU.

Noi contrastiamo il taglio dei servizi pubblici, degli organici, delle retribuzioni dei dipendenti e siamo contro ogni politica di divisione dei lavoratori.

 

Come associazione nazionale riconosciuta, mettiamo a disposizione la nostra sigla a tutti quei lavoratori che vogliono presentare liste aperte in chiara alternativa a quelle confederali.

 

In questo progetto c’è spazio per tutti i compagni che hanno a cuore la riapparizione di un forte movimento dei lavoratori su posizioni classiste e anticapitaliste.

 

SLAI COBAS Pubblico Impiego

 

Milano 25-08-2007