SORTINO, SLAI COBAS ASSUNTI OTTO LAVORATORI A.S.U.(EX L.P.U.)

Vinta una battaglia!! Ma non la guerra alla stabilizzazione di tutti i lavoratori precari!!

 

SORTINO. Un lavoro a tempo indeterminato per otto lavoratori Asu (ex Lpu). Lo SLAI COBAS dopo estenuanti assemblee, incontri, trattative, stati di agitazione e scioperi per la stabilizzazione di tutto il personale precario Asu  (attività socialmente utili) e Puc (progetti di utilità collettiva), presente in Sicilia è  riuscito a far assumere otto lavoratori Asu (ex Lpu) presso il Comune di Sortino, in provincia di Siracusa.

Alla trattativa per la stabilizzazione ha preso parte Orazio Calì dell’Esecutivo Nazionale, Salvo Scuderi,  coordinatore regionale e  Luigi Mangano coordinatore provinciale dello Slai Cobas.

Finalmente lo scorso 21 dicembre, a conclusione della trattativa intrattenuta tra l’Amministrazione Comunale di Sortino e le Organizzazioni Sindacali,  si è giunti alla firma dell’accordo per l’assunzione a tempo indeterminato di 8 lavoratori Asu (ex Lpu).

 

«Abbiamo vinto una battaglia!! – dichiara Luigi Mangano -  Ma non la guerra alla stabilizzazione di tutti i lavoratori precari!!». Un grande risultato che deve servire a far riflettere tutti i lavoratori che la lotta paga!! E’arrivato il momento di mobilitarsi, tutti insieme, per dire basta al lavoro precario!! «Il problema – afferma  Mangano - sta a monte: occorre che la Regione emani urgentemente un decreto che  preveda la stabilizzazione a tempo indeterminato di tutti i lavoratori precari! Basta all’emanazione di leggi nel periodo imminente alla campagna elettorale!».

 

Inoltre chiarisce Mangano: «Sappiamo bene che parte dei ringraziamenti va all’Amministrazione Comunale di Sortino per aver stabilizzato i lavoratori A.S.U. (ex L.P.U.), ma, con riguardo ai lavoratori A.S.U. (ex Cooperativa Parrocchia San Giuseppe),  non si può affermare che non fanno parte del personale dell’Amministrazione Comunale di Sortino, ma della Parrocchia, visto che la Regione Siciliana, con atto scritto, dal 1 gennaio 2005, ha individuato quale ente utilizzatore di questi lavoratori il Comune di Sortino».

 

Continua Mangano: «In merito abbiamo richiesto chiarimenti al Direttore dell’Ufficio Provinciale del Lavoro e alla Regione Siciliana». E ribadisce: «Qualora non venga rispettato il protocollo per l’utilizzazione di questi lavoratori, siamo disposti anche a fare un esposto ai vari enti interessati e a ricorrere al Giudice del Lavoro, soprattutto per il motivo che a breve,  ai  sensi della n.16 del 2006, la Regione Siciliana inoltrerà a questi lavoratori la dote finanziaria per la stabilizzazione e/o assunzione a ventiquattro ore».

 

Il Coordinatore Provinciale dello Slai Cobas di Siracusa

Mangano Luigi