NORME LEGGI SENTENZE

Assunzioni a termine: le ragioni sostitutive non possono essere espresse in modo generico

La Cassazione torna a pronunciarsi in materia di assunzioni a termine con una decisione che, seppure riferita alla disciplina previgente, apre parecchi interrogativi, soprattutto alla luce dei principi enunciati in materia dalla recente sentenza della Corte Costituzionale n. 214/2009. La Corte afferma, infatti, che il riferimento generico ad un determinato arco temporale identificato per giustificare un’assunzione a termine per sostituire lavoratori in ferie, non è da ritenersi idoneo a soddisfare i criteri che, in materia, sono previsti dalla legge.

(Sentenza Cassazione civile 09/09/2009, n. 19425)