NOTIZIE SLAI COBAS

SLAI Cobas Benevento - ASIA: processo a 33 dipendenti, scatta la protesta

Benevento ASIA: processo a 33 dipendenti, scatta la protesta
Lo Slai Cobas (il sindacato dei lavoratori autorganizzati intercategoriale) e la Flaica Cub (Confederazione unitaria di base) hanno comunicato che 33 lavoratori dell’Asia (l’Azienda Speciale Igiene Ambientale del Comune di Benevento) sono stati rinviati a giudizio per “violenza privata” ed “interruzione di pubblico servizio” perché il 12 maggio 2004 si rifiutarono di raccogliere con le mani tonnellate di rifiuti in putrefazione, a causa della persistente emergenza.
La notizia è giunta ieri quando il giudice per le udienze preliminari ha rinviato gli atti al Pubblico Ministero per l’incriminazione dei lavoratori i quali, secondo quel giudice e secondo il Direttore dell’Asia, quel giorno rifiutandosi di lavorare determinarono l’accumulo dei rifiuti in strada.
Forte la protesta del sindacato che si schiera al fianco dei dipendenti: “Quella dei magistrati – si legge nella nota – è una tesi ridicola. Le montagne di sacchetti erano in strada da mesi per la incapacità e il malgoverno di quegli amministratori che hanno pensato solo ad aumentare la tassa senza garantire un adeguato servizio di raccolta”.
I rappresentanti sindacali Gabriele Corona e Marcelo Amendola poi esprimono solidarietà ai lavoratori “ingiustamente accusati e riteniamo che ora la magistratura beneventana, tanto severa nei confronti di chi è costretto a lavorare in condizioni proibitive, deve finalmente far sapere a tutti che fine hanno fatto le tante denuncie per violazione della legge sulla sicurezza sui luoghi di lavoro, a carico degli amministratori dell’Asia e si deve decidere ad indagare anche sulle spese effettuate da quel Consiglio di Amministrazione e sulla lottizzazione finanche delle assunzioni per due mesi di 30 disoccupati costretti a chiedere raccomandazione ai politici”.
 
Il Quaderno 27-1-22007