NOTIZIE SLAI COBAS

LO SLAI COBAS INDICE ALLA PILKINGTON e CRS 8 ORE DI SCIOPERO nelle giornate di: Venerdì 22 aprile

COMUNICATO   SINDACALE LO SLAI COBAS INDICE ALLA PILKINGTON e CRS 8 ORE DI  SCIOPERO nelle giornate di: Venerdì  22 aprile per i lavoratori giornalieri +  2° e 3° Turno  (escluso il 1° Turno)

Sabato  23 aprile per il solo 1° Turno

CONTRO
:
1. La totale arroganza e dispotismo della Direzione del personale.
2. L’indifferenza dei vertici Aziendali nonostante la diffida inoltrata dallo SLAI-COBAS in data 28/02/2011, dove tra l’altro si evidenziavano i metodi repressivi spesso ingiustificati e usati da questa Società nei confronti dei lavoratori. A tutt’oggi si continuano a registrare numerosi rapporti disciplinari, messi in atto dai vari preposti, oltre che atteggiamenti a dir poco non consoni alle regole contrattuali e civili.

3. L’irresponsabilità dei dirigenti e preposti al rispetto del D.Lg. 81/2008 - Testo Unico Salute e Sicurezza nei luoghi di Lavoro - ed in modo particolare per gli ultimi episodi accaduti in questi giorni al Float, nonostante le due segnalazioni al SPSAL (Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro), per rimuovere definitivamente una problematica seria, sottovalutata e come al solito solo in parte risolta, e che poteva avere conseguenze peggiori nonostante lo stanziamento di circa 3.000.000,00 € sulla messa in sicurezza di tutti gli impianti. Nel frattempo si registrano ancora troppi infortuni, a causa di quanto sopra esposto.

4. La continua SVENDITA, con il beneplacito delle RSU di CGIL, CISL e UIL, dei DIRITTI acquisti e sanciti dallo STATUTO dei LAVORATORI.
5. Le mancate assemblee retribuite (12 ore annue per dipendente) che spesso vanno a beneficio delle RSU e/o organizzazioni sindacali ed invece negate allo SLAI-COBAS.
6. La fermata programmata per le Festività Pasquali, dove non si comprende la necessità di lavorare, addirittura fino alle ore 14 di sabato Santo, pur avendo oltre 20 capannoni pieni di materiale stoccato.
7. La scarsa considerazione delle professionalità e dell’impegno dei dipendenti, preferendo consulenti esterni (ed ex dipendenti), ricorrendo ad assunzioni dirette di 3 unità impiegatizie e senza per nulla tener conto della mancanza di personale nei cicli produttivi. Tutto ciò serve a generare solo ulteriore malessere.
8. La mancata conoscenza del Budget 2011/2012.
9. L’accordo che ha soppresso l’anticipo di Ferie e Rol per l’anno in corso, in cambio delle sole spettanze mensili maturate.
10. L’aumento di oltre il 57% del costo mensa dal 01/01/2011, passando da 1.06 € a 1.67 €, in cambio di un incremento dell’indennità sostitutiva di appena il 36%, da 0.77 € a 1.01 €, contro le circa 5,00 € riconosciute da altre aziende. E’ da sottolineare, inoltre, la sempre maggior difficoltà nel trovare esercizi commerciali che accettino tali Ticket.
11. L’assoluto silenzio sulle spettanze del Premio di Partecipazione e soprattutto l’assoluta mancanza del controllo mensile dei dati cui esso è legato (malattia compresa). Per tutti questi motivi occorre dare una risposta forte e concreta da parte di tutti.

San Salvo, 20 aprile 2011 
                           

SLAI-COBAS                                     
RSU-RLSSA PILKINGTON-NSG