NOTIZIE SLAI COBAS

Solidarietà all'operaio licenziato dalla FIAT

Primi comunciati di solidarietà da parte dei partiti politici PRC e  P.d.C.I.  Molise
Licenziato dalla Fiat, si sente male. La solidarietà del PRC
 di MAURO NATALINI* -
Rifondazione Comunista del Molise esprime la propria solidarietà e la propria vicinanza al lavoratore Luigi Cravero, a cui è stato comunicato il licenziamento da parte della FIAT di Termoli, colto da malore e trasportato in Ospedale al ricevimento della notizia.
Il provvedimento è stato motivato "ufficialmente": abbandono immotivato del posto di lavoro ed eccessiva lentezza nello svolgimento delle proprie mansioni.
Alle tante, tragiche, notizie riguardanti la giornata di ieri ne va aggiunta un'altra: "mentre Termoli e Campomarino bruciavano, le temperature toccavano massimi da record ed all'interno dello stabilimento FIAT di Termoli si superavano abbondantemente i 50 gradi l'azienda, invece di pensare a come porre i lavoratori in condizioni di lavoro umanamente sopportabili, non trovava niente di meglio da fare che licenziare un operaio per scarsa produzione!"
Se non ci fosse in ballo il futuro di una famiglia, la notizia avrebbe un che di comico ma, purtroppo, assomiglia molto di più ad una tragedia.
 In realtà si sono utilizzati motivazioni fortemente strumentali per colpire l'appartenenza ad un sindacato la cui attività è coerentemente "scomoda" per l'azienda. La scarsa produttività del lavoratore (se mai ci fosse stata) è da attribuire ai noti e documentati problemi di salute di cui è affetto, sicuramente aggravati dalle condizioni ambientali dello stabilimento nella stagione calda.
Si rammenta che tali difficili condizioni ambientali non hanno mai trovato una soluzione adeguata, nonostante i ripetuti impegni assunti da parte dei vertici aziendali.
Nel ribadire la nostra solidarietà al lavoratore licenziato, dichiariamo il nostro massimo impegno al fine di ottenere l'annullamento di tale ingiusto licenziamento. Esprimiamo inoltre il nostro sostegno a tutte le  richieste di miglioramento degli ambienti di lavoro particolarmente difficili ed "usuranti".
 
*Segretario Regionale PRC

------------------------------------------------------

Solidarietà all'operaio licenziato dalla Fiat
di ROBERTO PANO* -
 
E' come se periodicamente, a cicli più o meno lunghi, la "razza padronale" ha la necessità impellente di farsi sentire, per far capire chi è che "comanda".
E così, ogni tanto, qualche lavoratore rimane vittima dell'impietosa mano del padrone, capo o capetto di turno venendo licenziato.
E' praticamente quello che è accaduto mercoledì pomeriggio nello stabilimento FIAT di Termoli, dove in una giornata dal clima meteo incandescente, è stata consegnata la lettera di licenziamento ad un operaio che si affrettava ad andare a svolgere il proprio turno di lavoro.
Guarda caso il lavoratore in questione è un iscritto allo SLAI-COBAS, sindacato piuttosto attivo nel combattere per la tutela dei lavoratori e poco incline a concessioni ai datori di lavoro.
Al lavoratore, alla sua famiglia, al sindacato a cui aderisce e darà mandato per  la tutela  legale dei  suoi diritti  va la  sincera e incondizionata  solidarietà del   Partito dei Comunisti Italiani del Molise.

*Responsabile lavoro e sviluppo  P.d.C.I.  Molise