NOTIZIE SLAI COBAS

CADE UN CASSONE DA OLTRE 6 METRI D'ALTEZZA, PAURA ALLA FPT

L'incidente è avvenuto lunedì mattina intorno alle 10. Un operaio a bordo di un carrello elevatore ha sollevato il cassone contenente pezzi per l'assemblaggio dei motori e lo ha sistemato nello scaffale più alto del magazzino, lì dove gli era stato indicato. Poco dopo l'allontanamento del carrellista però, il cassone che pesa oltre 100 chili, è caduto schiantandosi a terra e rovesciando il suo contenuto.
L'incidente si è verificato nel magazzino Cdc della Fiat Powertrain di Termoli sotto gli occhi impauriti degli operai. Questa mattina i rappresentanti della sicurezza dello Slai Cobas hanno inviato un esposto alla Asrem e all'Ispettorato del Lavoro perchè faccia luce su quanto accaduto. Secondo una prima ricostruzione dei fatti sembra che la scaffalatura sia stata montata in tutta fretta questa estate e non sia stato mappato il passaggio di un tubo per il sistema antincendio che passa proprio dietro la scaffalatura. Il diametro del tubo ha naturalmente ridotto lo spazio a disposizione negli scaffali e di conseguenza lunedì mattina il cassone inserito è rimasto troppo sporgente al punto che è caduto. Secondo i rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori si è trattato di un incidente molto grave che solo per un caso fortuito non ha avuto serie conseguenze. «I profitti e guadagni dei datori di lavoro e del capitalismo selvaggio non ci interessano - ha dichiarato l'Rls dello Slai Cobas Andrea Di Paolo in una nota stampa - è inaccettabile che l?operaio rimane con un pugno di mosche in mano anche con la beffa di rischiare la salute e la vita sul posto di lavoro. Chiediamo sicurezza e rispetto». All'appello si associa anche il coordinamento provinciale di Campobasso dello Slai Cobas.

RSU  e coordinamento Provinciale Campobasso


Fiat di Termoli
SLAI-Cobas  
via Luigi Sturzo, 17
Termoli (CB)


Termoli, 24 settembre 2008