Per contatti: redazione@slaicobas.it

Cina scontri tra polizia e operai che chiedono pensione e assistenza medica

03/12/2008
CINA
A Shaoguan bloccano la via in protesta per il licenziamento: sono riassunti
Sono scesi in piazza in protesta perché la ditta non voleva rinnovare il contratto: dopo la protesta, accetta di riassumerli. Nella Cina della crisi economica Pechino dice di “dialogare” con chi scende in piazza, invece di “risolvere” tutto con la polizia.

16/02/2009
CINA
Guerriglia urbana tra polizia e migranti per un banale incidente stradale
Un uomo, forse un ausiliario di polizia, investe un migrante e cerca di allontanarsi. Altri migranti intervengono e lo colpiscono. La polizia invia oltre 100 uomini armati, che si scontrano con centinaia di migranti. Decine di feriti e di arrestati e almeno 6 veicoli della polizia distrutti.

25/02/2009
CINA
Scontri tra polizia e operai che chiedono pensione e assistenza medica
A Chongqing circa 800 operai occupano la fabbrica, già chiusa per una speculazione edilizia. La polizia li arresta e minaccia. A Zigong (Sichuan) c’è guerriglia urbana tra polizia e 1.000 dipendenti tessili licenziati.

Pechino
(AsiaNews/Agenzie) – Cinque dipendenti di  una fabbrica di seta nella contea di Tongliang (Chongqing) sono stati arrestati per avere organizzato l’occupazione di una fabbrica. I 5 –Tang Aimin, Hu Weimin, Li Taiyuan, Ou Hongyong e Wang Yu- rappresentano circa 800 lavoratori licenziati per la chiusura della fabbrica, che chiedono la pensione e l’assicurazione medica. Per protesta hanno occupato lo stabilimento e il 15 febbraio la polizia li ha convocati per “discutere il problema”. Ora sono detenuti per “disturbo all’ordine sociale” e la pubblica sicurezza dice che rischiano anni di carcere.
La polizia ha anche ammonito gli altri dimostranti che se continuano “a creare problemi” saranno tutti arrestati. Il 16 febbraio circa 2mila funzionari hanno circondato la fabbrica ordinandone lo sgombero. Al rifiuto degli occupanti, hanno deciso di fare irruzione. Ma hanno rinunciato quando gli occupanti hanno minacciato di far esplodere bombole di ossigeno.
La fabbrica ha dichiarato bancarotta nel 1996. E’ stata venduta nel 1998 e tutti i dipendenti sono stati licenziati. Ma loro hanno studiato la legge che, in caso di fallimento e ristrutturazione di una fabbrica, stabilisce per i dipendenti cacciati il diritto a pensione e assistenza sanitaria, o, quanto meno, a una liquidazione commisurata al numero di anni di lavoro. Per questo gli operai si sono rivolti al governo locale, senza avere risposta.
Nel 2008 sono state vendute tutte le attrezzature della fabbrica e ne è stata annunciata la demolizione per realizzare un lucroso programma edilizio.  Per protesta, all’inizio del 2008 gli ex dipendenti hanno occupato la fabbrica e impedito la sua distruzione. Dopo alcuni mesi, il governo di Tongliang ha chiesto ai lavoratori di nominare rappresentanti per negoziare. Ma il confronto non ha avuto esiti, quindi li ha arrestati.
Intanto, tra il 20 e il 23 febbraio, circa 1.000 dipendenti di una fabbrica tessile a Zigong (Sichuan) hanno dimostrato di fronte al municipio. La polizia è intervenuta e ci sono stati scontri, con almeno 6 lavoratori feriti.
Il gruppo Chinese Human Rights Defenders ritiene che la protesta sia proseguita e osserva che l’art. 35 della Costituzione cinese garantisce il diritto di riunirsi.