Esempio di aspetto di una sezione blog (sezione FAQ)

DUBBI SUL TRASFERIMENTO TFR A INPS

Bruxelles rileva dubbi sull'impatto sui conti pubblici del trasferimento del
Tfr alle casse Inps.. "Ci sono considerevoli incertezze legate alla stima
dell'impatto di questa misura sul bilancio - si legge nel testo - visto che
dà per certe le decisioni degli impiegati, che non si possono facilmente
anticipare". In particolare la stima italiana, ricordano gli uomini del
commissario Ue verte sul fatto che il 60% degli impiegati nelle imprese
interessate dal nuovo meccanismo di trasferimanto del Tfr, quelle con almeno 50 dipendenti, non trasferirà la liquidazione ai fondi privati.

Ma per Bruxelles soprattutto alla luce del fatto che "gli impiegati possono
optare per i fondi privati attraverso la formula del silenzio-assenso,
l'impatto previsto ufficialmente appare a rischio. Questo è particolarmente
rilevante per il 2007, quando la partecipazione agli schemi pensionistici
privati dovrebbe essere più alta di quanto previsto.

In ultimo sostiene la Commissione Ue "sebbene il trasferimento del Tfr
implicherà un miglioramento della posizione di bilancio del governo per
alcuni anni a venire, le entrate addizionali in arrivo non migliorano la
sostenibilità delle finanze pubbliche in quanto implicano ulteriori spese in
futuro" nel momento in cui il governo dovrà corrispondere ai lavoratori il
Tfr. A tutti gli effetti, si legge ancora, "si tratterà di un consumo
pubblico in forma di benefit sociali, che aumenta il deficit pubblico".