Esempio di aspetto di una sezione blog (sezione FAQ)

CONTRO L’ACCORDO SULLE PENSIONI - CONTRO L’ATTACCO AI SALARI

Cigl-Cisl-Uil prima e Ugl poi, senza alcun mandato da parte dei lavoratori, hanno sottoscritto l’accordo sulle pensioni che sarà “perfezionato” lunedì 23/7/2007.

Al di là di tutte le polemiche di questi giorni, governo e opposizione sono concordi sulla necessità di tagliare ulteriormente le pensioni, di allungare la vita lavorativa altrui e di comprimere i salari, usando così le disponibilità economiche risultanti per coprire i conti pubblici.
Per sostenere questa necessità entrambi si sono appellati alla necessità di un sistema pensionistico “più giusto” (ma per chi?) e sulla difesa delle nuove generazioni e così garantire loro una pensione in vecchiaia.

Ma le nuove generazioni avranno il sistema di calcolo pensionistico contributivo, per cui la loro pensione sarà calcolata in base ai contributi versati e non col sistema a ripartizione attuale. Questo significa che risparmiando sulle pensioni oggi non ci sarà alcun contributo per le pensioni di domani. I “risparmi” sulle nostre pensioni saranno utilizzati per altri sgravi fiscali ai padroni, l’assistenza e le ristrutturazioni.

I lavoratori, in modo particolare i giovani, pagheranno due volte: la prima con una riduzione delle pensioni e l’aumento della vita lavorativa, la seconda finanziando il padronato che li sfrutta e li precarizza .

L’ammorbidimento dello scalone è uno specchietto per le allodole, che nasconde l’obiettivo di modificare i coefficienti per ridurre le pensioni, demandato ad un’apposita commissione.

I tre anni di riduzione dell’età pensionabile per i lavori usuranti sono nuovamente demandati ad una futura analisi, come avviene da anni, mentre nei posti di lavoro la produttività aumenta logorando i fisici e la salute dei lavoratori e mietendo sempre più vittime del lavoro.

Quest’accordo è un altro passo verso il tentativo di privatizzare definitivamente le pensioni, nonostante il flop del versamento del TFR nei fondi pensione, cui hanno aderito solo 4 lavoratori su 100, pur con un’impressionante campagna a seno unico, finanziata con milioni di euro (risparmiati dalle pensioni?).

Di fronte a questo accordo, come sempre a luglio, va registrato il fallimento dell’intera sinistra governativa e “radicale”, che avanza dubbi e perplessità da presentare in parlamento. La sua illusione di una “gestione più equa e sociale” del capitalismo italiano si infrange sui risultati che Montezemolo e la Confindustria portano a casa, incassando così l’appoggio dato al centro sinistra alle elezioni politiche.

La polemica politica su quest’accordo, in cui il centro sinistra vorrà far credere che ha reso più “eque le pensioni” e il centro destra che si sono persi i vantaggi acquisiti e peggiorati i conti pubblici, non nasconde il fatto che quest’accordo peggiora il sistema pensionistico più di quanto abbia fatto la controriforma Maroni.

Lo Slai Cobas si schiera risolutamente contro questo accordo e appoggerà tutte le mobilitazioni contro di esso che si svilupperanno nei posti di lavoro. Si impegna fin d’ora per preparare una forte mobilitazione unitaria e nazionale da costruire alla ripresa del lavoro, dopo le ferie, per contrastare la controriforma pensionistica e rilanciare l’iniziativa sul salario e contro la precarietà.

La mobilitazione già comincia: sabato 21 luglio lo Slai Cobas contro l’accordo truffa sulle pensioni ha indetto otto ore di sciopero (dalle 6.00 alle 14.00) dei lavoratori della Fiat e delle collegate aziende terziarizzate di Pomigliano d’Arco.

SCIOPERO GENERALE A SETTEMBRE

20/7/2007

Slai Cobas